Spos.Art

Andrea Sposari, in arte SPOS, è uno street artist siciliano classe 1992. Inizia la sua avventura all’età di 14 anni, come tutti illegalmente, e in maniera fumettistica, fino a raggiungere la sua attuale forma surrealista. Lavora a progetti in Sicilia, Calabria, Lombardia, Liguria e Inghilterra, ed è stato invitato a rappresentare l’Italia al Techfest di Bombay. Negli ultimi anni ha partecipato a diversi festival, ha prodotto un progetto itinerante di street art in giro per il mondo, ha lavorato per Linea Blu, Enel e i DJ mondiali Giol e Assia e ha costruito il primo playground creativo riconosciuto dalla FIBA in Sicilia.


Andrea Sposari, aka SPOS, is a Sicilian street artist born in 1992. He starts his adventure at the age of 14, like everyone else illegally, and in a cartoon manner, until he achieves his current surrealist form. He works on projects in Sicily, as well as Calabria, Lombardy, Liguria, and England, and was invited to represent Italy at the Techfest in Bombay. In recent years, he has taken part in various festivals, created an itinerant street art project that tours the world, worked for Linea Blu, Enel, and international DJs Giol and Assia, and developed Sicily’s first FIBA-recognized creative playground.

"Partenope"

L’opera è un omaggio alla figura mitologica di Partenope e vuol essere un messaggio di speranza per il popolo partenopeo. Racconta dell’arrivo nel golfo della principes-sa moribonda che è poggiata sull’acqua come lo è Napoli. C’è morte e vita in questa opera: il rito funebre e l’anima partenopea che ne nascerà. Le piume si riferiscono al mito.


The artwork pays homage to the mythological figure of Partenope, and it is intended to convey a message of optimism to the Neapolitan people. It tells the story of the dying princess’s arrival in the gulf, resting on the water, as Naples. There is death and life in this work: the burial rite and the Neapolitan soul that will be born from it. The feathers refer to the myth.