Quick Pen

Nato in Tunisia nel 1985, Akram Toujani si diploma all’Istituto Superiore di Belle Arti di Tunisi e lavora tra la Tunisia e la Turchia. È un artista multidisciplinare che lavora con pittura, scultura, performance, installazione e storyboard, tra le altre discipline. Si concentra sul tempo e sulla temporalità ed è noto per la sua velocità e l’uso del cronometro come elemento di plastica, che ha ispirato il concetto di Quick Pen. Egli crea un’estetica decisamente ordinata e illustrativa attraverso il disegno e la calligrafia su molti argomenti, principalmente “il patrimonio rivisitato”. Ogni opera mette in evidenza l’opportunità di interazione e narrazione che esiste nello spazio pubblico, nonché personaggi in bianco e nero e scrittura rivisitata. Il pubblico può vedere affreschi provocatori in ambienti scelti con cura. Tutto, nella sua prospettiva, ruota attorno all’immagine che ha nella testa e all’ispirazione che ha per trasformare le sue idee in realtà. Vuole solo portare a termine il suo compito.


Born in Tunisia in 1985, Akram Toujani graduated from the Higher Institute of Fine Arts in Tunis and works between Tunisia and Turkey. He is a multidisciplinary artist who works with painting, sculpture, performance, installation and storyboarding, among other disciplines. He focuses on time and temporality and is noted for his speed and use of the stopwatch as a plastic element, which inspired the Quick Pen concept. Through drawing and calligraphy on a variety of subjects, particularly ‘revisited heritage’, he produces a resolutely neat and illustrative aesthetic. Each artwork highlights the opportunity for interaction and storytelling that exists in public space, as well as black and white characters and revisited writing. The public can see provocative frescoes in carefully chosen settings. Everything, in his perspective, revolves around the image he has in his head and the drive he has to make his ideas a reality. He only wants to complete his task.

"Extincteur dansant"

Rivisitazione del “Fauno Danzante”, un’intuizione dell’artista per creare un legame tra il fauno e l’eruzione del Vesuvio che ha distrutto la città nel 79 d.C. È un paradosso o un augurio? Il fauno si fa un selfie con l’estintore per celebrare la sua vit-toria contro la violenza eruttiva del vulcano.


Revisitation of the “Dancing Faun,” an artist’s intuition to link the faun to the Vesuvius eruption that devastated the city in 79 AD. Is it a paradox or a wish? The faun celebrates his victory over the volcano’s eruptive power by taking a selfie with the fire extinguisher.